Le più controverse scelte dell’Academy nelle nomination agli Oscar del 2017

Le nomination agli Oscar 2017 sono state rese note da alcune settimane e ormai il conto alla rovescia è tutto per la notte in cui verranno proclamati i vincitori di questa edizione numero 88 del più importante riconoscimento a cui qualsiasi persona che lavori nel cinema aspira fin dal primo momento in cui decide di entrare in questa realtà.

Nonostante le nomination siano ormai fatte e volendo usare un termine metaforico il dado sia ormai tratto, dubbi e perplessità, relativamente ad alcune scelte fatte in queste nomination agli Oscar 2017, continuano ad essere palesate da addetti ai lavori e appassionati.

I grandi delusi sono Martin Scorsese e Clint Eastwood

Scorsese e Eastwood sono i simboli della delusione in queste nomination agli Oscar 2017: i loro film sono stati ignorati dai giurati, i quali li hanno candidati solo per categorie di tipo minore.

Martin Scorsese non deve averla presa troppo bene, visto che ad oggi non ha ancora rilasciato nemmeno una dichiarazione in merito al fatto che il suo Silence sia stato preso in considerazione soltanto per l’Oscar alla Miglior Fotografia.

La scelta dell’Academy in queste nomination agli Oscar 2017 ha confermato come vi sia scarso feeling con il grande regista italo-americano.

Clint Eastwood sembra invece quasi aver subito una sorta di ripicca da parte dei giurati: se Silence ha ricevuto critiche contrastanti, il suo Sully ha invece convinto praticamente tutti e sembrava scontato che la vicenda di Chesley Sullenberger e del suo eroico ammaraggio sull’Hudson avrebbe almeno superato la tagliola delle nomination.

Ed invece Sully non è riuscito ad entrare in corsa per nessuna delle categorie più importanti, regalando una grande delusione a Eastwood e a Tom Hanks.

Quattro grandi delusi tra gli attori

Si è citato Tom Hanks e senza dubbio il due volte Premio Oscar è uno dei grandi delusi tra gli attori per quanto riguarda la scelta delle nomination agli Oscar 2017.

Ma il protagonista di pellicole come Salvate il Soldato Ryan e Forrest Gump è in buona compagnia, visto che anche Micheal Keaton era dato per sicuro nominato grazie alla sua interpretazione in The Founder ed invece è rimasto a mani vuote.

Grande delusione anche per Amy Adams e Taraji P. Henson, con la prima che ancora una volta deve fare i conti con una scelta dell’Academy molto discutibile.

Arrival ha conquistato diverse nomination, ma evidentemente lei non ha convinto l’Academy, anche se tutti si domandano come sia stato possibile non inserirla nelle nomination agli Oscar 2017 per quanto riguarda la categoria Miglior Attrice Protagonista.

Stesso discorso si può sicuramente fare per quanto riguarda Taraji P. Henson, che era data come sicura nominata grazie alla sua performance in Il diritto di contare.

Delusione anche per Xavier Dolan

Quello che è considerato uno dei cineasti che per i prossimi trent’anni segnerà la storia del cinema, non ha ancora fatto breccia nell’Academy. Xavier Dolan, dopo essere stato snobbato tre anni fa con il suo Mommy, non è riuscito ad ottenere la nomination per il Miglior Film Straniero nemmeno quest’anno. Il suo ultimo film, l’acclamato

E’solo la fine del mondo, non correrà infatti per l’ambito riconoscimento. I suoi estimatori si augurano che il suo primo film in lingua inglese, che uscirà nelle sale alla fine di quest’anno, possa finalmente portarlo a gareggiare per questo importante riconoscimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *