Pericolo tech in Germania con la bambola Cayla

Situazione di grande tensione in Germania nel campo tech, visto che un semplice giocattolo potrebbe rivelarsi essere veramente dannoso per la propria privacy.
Ecco cosa è accaduto con questa particolare bambola che ha prima appassionato e poi terrorizzato la popolazione della Germania.

Il grande successo iniziale della bambola tech Cayla

A creare questa situazione di grande allerta in Germania è stata la bambola Cayla, un semplice giocattolo prodotto per le bambine il quale si è contraddistinto per delle funzioni veramente uniche e semplici ed in grado di rispondere alle richieste delle piccine che ricercano, in un semplice oggetto, un livello di intrattenimento unico.

Questa semplice bambola ha infatti una funzione particolare: essa è in collegamento con gli addetti della ditta Nuance che, sentendo la domanda, inviano mediante la connessione wifi della bambola la risposta, dopo averla cercata su internet.

Tale funzione ha ovviamente fatto molto piacere ai consumatori che, felici di queste novità del campo tech, hanno deciso di acquistare con maggior convinzione tale oggetto.

Ma come spesso accade, la tecnologia sembra essere sempre sinonimo di grande rischio e questa volta, ad essere violata, è la privacy delle proprie mura domestica.

Il problema tech di Cayla

La bambola, secondo la Bundesnetzagentur che si occupa dei servizi di rete nazionali, potrebbe essere un oggetto che permette alle persone di poter spiare quanto sta accadendo a casa dei possessori di Cayla.problema tech di Cayla

Alcune ricerche hanno infatti dimostrato come, sfruttando una connessione Bluetooth o wireless, è possibile poter intercettare il messaggio e ascoltare quanto viene detto dalla piccina che pone un quesito alla bambola oppure con la quale parla.

Questo agevola ovviamente coloro che vogliono compiere atti tutt’altro che corretti, come ad esempio fare da stalker al componente di una famiglia, oppure agire indisturbati quando la casa è disabitata.

Ma non solo: secondo l’agenzia Bundesnetzagentur, gli esperti hacker potrebbero addirittura sostituirsi agli addetti ai lavori della ditta Nuance e rispondere al posto loro.

Insultare e molestare le piccine è quindi un grosso rischio che la popolazione tedesca sembra non essere desiderosa di voler affrontare.
Proprio per tale motivo, la bambola Cayla è stata subito restituita al negozio nel quale è stata acquistata ed i commercianti hanno deciso di rispedire gli articoli alla fabbrica dell’azienda produttrice.

La risposta sul problema tech di Cayla

A parlare dell’eventuale problema di spionaggio sono gli stessi produttori della bambola Cayla, che hanno spiegato che si tratta dell’ennesima bufala tech che viene inserita sul web.

Cayla viene definita come bambola sicura e non come strumento di persecuzioni, visto che solo un esperto del settore tech potrebbe essere in grado di violare i sistemi di sicurezza che caratterizzano la bambola stessa.

Questa risposta non ha però soddisfatto i consumatori, delusi anche dal mancato aggiornamento del software promesso dall’azienda produttrice di Cayla e mai effettuato.

Pertanto, la situazione in Germania è molto tesa sul campo tech visto che questa nuova problematica ha fatto tremare coloro che sfruttano quotidianamente la tecnologia e che hanno avuto, o che ancora posseggono, la bambola.

Fonte: Tech e Tecnologia Sky TG24 http://tg24.sky.it/tg24/tecnologia/home.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *